Emil Richards - WONDERFUL WORLD OF PERCUSSION (2013)

Emil Richards è per me davvero una figura leggendaria.

Qualche anno prima del web, quando ancora le informazioni viaggiavano su carta e io consumavo i miei Modern Drummer alla famelica ricerca di musica, beh, Emil c'era sempre, e in una maniera per me estremamente accattivante. Era un multi percussionista, un musicista cioè dotato di una preparazione piuttosto ampia nel campo della percussione (cosa questa che risuonava con i miei studi di percussione classica), e sembrava davvero una figura di culto nel mondo della musica, grazie anche a uno speciale legame con la famiglia Porcaro. In più era anche un grande collezionista di strumenti a percussione che ovviamente utilizzava in quello che pareva essere il suo ambito professionale principale: le musiche da film.

E' proprio da questa sua sfaccettatura di cultore di percussioni di ogni sorta che mi sono avvicinato a Emil: a tutt'oggi fa bella mostra di sé un volumetto intitolato World Of Percussion, datato 1972, e appartenente a quella categoria di (bellissimi!) libri tipicamente pre-web, quando ancora le informazioni non circolavano in maniera totalmente libera e gratuita. Moltissimi, infatti, erano i volumi di questo tipo: un ibrido fra catalogo, manuale, dizionario, compendio informativo su tecniche, strumentari, consigli e quant'altro sembrava opportuno.

Spulcio i miei scaffali e ci ritrovo anche The Percussionist's Dictionary di Joseph Adato e George Judy (del 1984), The Logic Of It All di Anthony Cirone e Joe Sinai (del 1977), Scoring For Percussion di H. Owen Reed e Joel T. Leach (del 1969) e Percussion Symposium di Vic Firth (del 1966). Tante belle informazioni, in bianco e nero...

Il libro di Emil si legge proprio bene, fila via fluido e divertente. Dal momento in cui si scopre che il suo vero nome è Emilio Radocchia (!) e che affonda le proprie radici in Abruzzo, è tutto uno stupirsi per l'incredibile percorso musicale fatto di incontri davvero sensazionali. Impossibile riassumere tutti i nomi dei musicisti con cui Richards ha incrociato il proprio cammino, da George Harrison a Frank Zappa, da John Williams a Frank Sinatra. Assolutamente esilarante la lista dei film e delle serie televisive cui Emil ha offerto il proprio contributo percussivo: praticamente quasi tutti i film americani che uno può aver visto!

Il mio personale highlight è a pagina 55: Emil, sigaretta fra le labbra, che, seduto, prepara all'uncinetto un cappello per Peter Sellers. Mitico!

 

RICHARDS.JPG